Get Adobe Flash player

Repertorio

 

Il repertorio cantato è prevalentemente in lingua logudorese, con le dovute distinzioni::

  • nella norma il poeta in limba ricerca soluzioni largamente condivise: si pensi alla poesia epistolare A Nanni Sulis di Peppino Mereu e la Nanneddu meu di Tonino Puddu - , che non coincide perfettamente con la varietà  parlata dal poeta, o all'inno Su patriotu sardu a sos feudatarios di Francesco Ignazio Mannu, meglio conosciuta come Procurade 'e moderare - che non è scritta esattamente nell'idioma di Ozieri;
  • non sempre possiamo sapere se tutto ciò che viene messo in rima sia scritto per l'orecchio piuttosto che per l'occhio, perciò non in tutti i casi il problema della lettura a voce alta, della pronuncia, è originario; più certo il caso in cui il paroliere e l'armonizzatore siano la stessa persona: in questo caso non dobbiamo più considerare il testo per il testo, e le parole non sono state scritte per essere lette, ma una canzone, cioè la parola in musica, indirizzata a un uditorio che andrà ad acquistare un cd, non un libro.

Queste premesse sono importanti perché la pronuncia, dettata dal repertorio di fonemi in uso presso la "comunità parlante", viene ad essere un tratto distintivo di ogni coro di paese. Nel caso del "Terra mea" le questioni di ortoepia vanno invece dichiarate: qui infatti il repertorio di fonemi a disposizione non è l'insieme di quelli in uso nelle varie comunità di provenienza, ma necessariamente un campionario ridotto, e rapportato alla lingua veicolare scelta, cioè l'italiano standard. Perciò la pronuncia della parola in musica è di volta in volta concertata, e la lingua in cui tutti cantano non esiste in sè e per sè, ma solo in quanto si attualizza nella performance, hic et nunc: è la lingua di un momento, e niente vieta che per lo stesso canto, in una performance successiva, si adottino soluzioni differenti.

Un'altra questione è l'appartenenza di un eventuale brano inedito: un coro "di paese" si legittima in un brano inedito davanti alla comunità. Per il "Terra Mea" la questione non si pone esattamente in questi termini: un brano non è legato a coordinate spaziali (un paese) e risorse umane (questa generazione di cantori) ben definite, ma è un brano "del momento", che parla per il gruppo performatore in quel momento, senza garanzie di conservazione-tradizione.

 

Testo a cura di Federico Chessa e Salvatore Sanna
Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

__

 
 

A SU NASCHER DE GESUSU

Testo:
Musica e armonizzazione:

A su nascher de Gesusu
sas pupillas divinas
deraman perlas finas
teneramente.
Su gemitu impaziente
chi n’ispiccat su coro
s’amabile tesoro
troppu suspirat.
Cando sa mama mira
cun cudda cara ‘e rosa
e cun bucca amorosa
riet serenu.
Declinadu in su fenu
lu lusingas umanu
cun sa tenera manu
graziosamente.
Como s’ada a funnare 
su regnu eternu tou
cun su populu nou
de sos cristianos.
Persos, Grecos, Romanos
Giudeos e Gentiles
hana a arziare similes
sa Rughe tua.


NON MI GIAMEDAS MARIA

Testo:
Musica e armonizzazione:

Non mi giamedas Maria,
menzus mama ‘dolore.
Giamademi s’attristada,
giamademi s’affliggida.
Sa de dolores carrigada,
sa de penas consumida.


MAI SU CORO MEU

Testo:
Musica e armonizzazione:

Mai su coro meu
s'incontresi cuntentu
che in custu momentu
chi rezzo a Deu.
E cando apo pecadu
istesi afligidu
como chi so pentidu
mi est rallegradu
su aer cambiadu
su esser meu.
Mi restat solamente
su profundu dolore
de aer traitu s'Amore
crudelmente
e bido giaramente
chi so reu.
So indignu m'accostare
a i-custa grande mesa,
ma chie faghe s'ispesa
mi at a dare
abba a mi samunare
dae ogni neu.
Però tenzo s’ispettu
Chi mi hat azzettare
Chi mi hat abbrazzare
Cun affettu
C’appo a tennere perfettu
Giubileu.
Propongo firmamente
de non T'offender pius,
o amabile Gesùs,
bonu e clemente,
giustu e onnipotente,
òmine e Deu.


MANTENE FIDE IN SU SEGNORE

Testo:
Musica e armonizzazione:

Lauda su segnore anima mia
Pro tottu vida lu des laudare
Pro cantu custa carre addure bia
Cantigos de Osanna app’a cantare.
No appedas fide in s’omine potente
Ca salvamentu non bos pode dare
Benit a finitia ogni vivente
In prue sa carre de torrare.
In cussu Deus mere e criadore
De mare terra e de su firmamentu
De sos viventes ghia e pastore
De s’universu eternu fundamentu.
Fidele est’issu pro s’eternidade
Rendet justizia a su pessighidu
Dat pane a chie hat bisonzu ‘e caridade
Liberat dae presone s’istasidu.
Pro su tempus coladu e benidore
Pro dogni umana generassione
Re in eternu, Sion, est su Segnore
Unicu Deus d’ogni passione.


NUPTIAE FACTAE SUNT

Testo:
Musica e armonizzazione:

Nuptiæ factæ sunt in Cana Galilaeae, 
et erat ibi Iesus cum Maria Matre sua.
(Salmo 36)
	Noli aemulari in malignantibus
        neque zelaveris facientes iniquitatem. 
        Spera in Domino et  fac bonitatem, 
        et inhabitabis terram et pasceris in fide.
        Delectare in Domino, 
        et dabit tibi petitiones cordis tui.
        Mansueti autem hereditabunt terram 
        et delectabuntur in multitudine pacis.


SANCTUS

Testo:
Musica e armonizzazione:

Sanctus, Sanctus, Sanctus Dominus Deus Sabaoth.
Pleni sunt Coeli et Terra Gloria Tua.
Hosanna in excelsis.
Benedictus qui venit in nomine Domini.
Hosanna in excelsis.


DEUS TI SALVET MARIA

Testo:
Musica e armonizzazione:

Deus ti salvet, Maria, chi ses de gratia plena.
De gratias ses sa vena ei sa currente.
Su Deus onnipotente cun tegus est istadu.
Pro chi t'hat preservadu Immaculada.
Beneitta e laudada, subra a tottu gloriosa.
Ses mama, fiza e isposa de su Segnore.
Beneittu su fiore e fruttu de su sinu.
Gesus, fiore divinu, Segnore nostru.
Pregade a Fizu ostru pro nois peccadores,
chi tottu sos errores nos perdonet.
Ei sa gratia nos donet in vida e in sa morte.
Ei sa diciosa sorte in Paradisu.
Tott’andemus cun issu a gosare in sa gloria
chi ses de grazias prena, Deus ti salvet Maria.


CAND'ES NADU GESUS SA GRUTTA

Testo:P. Casu
Musica: A. Sanna
Armonizzazione:Crestani

Candh'es nadu Gesus in sa grutta
de Anghelos lughentes un’istolu,
de Anghelos lughentes a bolu
chi sa domo m’est parfida allutta.
Rit. 	Nois semus poberittos:
        ma roccas e granitos
        diamos cherrer donare
        fattas in oro.
E Maria cun s’anima in lughe
cuntemplende sas poberas vestes
indoradas de raggios celestes…
in su monte lughia sa luna.


ANDEMUS A SA GRUTTA

Testo:P. Casu
Musica: A. Sanna
Rielaborazione:Tonino Puddu

Andemus a sa grutta
de lughe tott'allutta
ch'es nadu su Bambinu:
Gesusu, Segnore nostru Re divinu.
Es nadu poverittu,
patit famine e frittu,
sa Mama no at pannos
pro lu fascare e vivet in affannos.
Ma enit un'istolu
de Anghelos a bolu
e l'istana affestendhe,
dulzos innos de gloria cantendhe.
E dai sos lugores
giamados sos pastores
ruen imbenugiados
a tantas meravizzas incantados.


Condividi su:

FacebookMySpaceTwitterStumbleuponGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Prossimi eventi

Nessun evento



Bentornato!
 13 visitatori online